IMPIANTO FOTOVOLTAICO CON ACCUMULO | Cosa sapere!

Quando parliamo di impianto fotovoltaico con accumulo, in realtà dovremmo parlare di sistemi di batterie, il cui scopo è quello di accumulare l’energia che gli impianti fotovoltaici producono, così da risultare a disposizione nei momenti in cui l’energia non può essere generata, ad esempio di notte.

I benefici garantiti da un impianto fotovoltaico con accumulo sono:

  • Un’ incremento dell’autoconsumo;
  • Un vantaggio economico da non sottovalutare: dal momento che offre la possibilità di distaccarsi dal gestore.

In sintesi, il proprio impianto permette di produrre energia in modo indipendente e autonomo, così da utilizzare la stessa in qualsiasi momento, in caso di necessità.

Da non sottovalutare, esistono diversi tipi di batterie che si differenziano tra loro in base a diversi fattori, dalla tecnologia alla potenza. I fattori da considerare nella scelta di un sistema di accumulo sono:

  • La profondità di scarica: che nella prima fase non deve essere inferiore al 90%, ma occorre tenere in considerazione anche della capacità, intesa come la quantità dienergia elettrica che può essere immagazzinata ed erogata. L’unità di misura adatta per esprimere questo valore è kw/h;
  • Alla tecnologia che le caratterizza: a tal proposito, gli esperti raccomandano di preferire solo le batterie al litio, siano esse in litio magnesio, agli ioni di litio ferro fosfato o agli ioni di litio, mentre dovrebbero essere evitate le batterie al piombo gel. Tra le due varianti non ci sono grosse differenze dal punto di vista del prezzo, in quanto è evidente in termini di prestazioni: in particolare, le batterie al piombo gel durano più o meno la metà rispetto a quelle al litio e sono meno garantite, oltre a vantare unacapacità di scarica del 50% (ovviamente a parità di potenza).

Le batterie del sistema di accumulo: come funzionano!

Le batterie, in un sistema di accumulo, svolgono il compito di immagazzinare e di rendere disponibile l’energia elettrica che l’impianto fotovoltaico produce in eccesso nel corso della giornata. Quest’ultima, dunque, può essere impiegata all’occorrenza, in quegli orari serali, notturni o mattutini in cui di solito si sarebbe obbligati a prelevare l’energia direttamente dalla rete, una caratteristica che influenzerebbe la convenienza del fotovoltaico. Le opzioni disponibili sono:

  • L’autoconsumo che prevede il consumo immediato dell’energia prodotta;
  • Lo scambio sul posto che prevede che l’energia venga trasmessa alla rete e ripresa in seguito in caso di necessità.

In quest’ultima, viene sfruttata la rete come sistema di accumulo. In ogni caso, le batterie vanno posizionate in modo adeguato, in quanto sono soggette ad una temperatura che non può essere troppo elevata. Questo è il motivo per il quale, per esempio, andrebbero esclusi i sottotetti che non sono isolati, così come devono essere evitati i ripostigli di piccole dimensioni in cui il ricircolo di aria è limitato. Si consiglia di fare riferimento a un luogo che sia il più possibile fresco, ma non freddo, con una temperatura non superiore ai 30°.

Contatta i nostri Professionisti del Fotovoltaico (Andrea Putinato e Nicola Masiero) per avere maggiori informazioni sui vantaggi di un impianto fotovoltaicio con accumulo.